Il mondo del cinema piange Ennio Morricone: il maestro delle colonne sonore, un artista insigne e geniale

Escomparso, ieri notte, all’età di 91 anni, in una clinica romana nella quale era ricoverato a causa di una caduta, che gli aveva provocato la rottura del femore, un artista sublime che ci lascia un patrimonio di musica e di emozioni incommensurabili: Ennio Morricone, musicista, compositore, direttore d’orchestra e orgoglio italiano. Le sue colonne sonore hanno segnato la storia del cinema e della musica, in Italia e nel mondo e continueranno a commuoverci e a farci riflettere, grazie alla sua capacità rappresentativa che ci trasporta in mondi fantastici: un monumento della cultura, un poeta della musica e della contemporaneità, compositore multiforme e curioso che ha fatto della ricerca e della sperimentazione musicale la sua ragione d’essere, considerando riconoscimenti e successo non come punto di arrivo, ma di partenza, preservando la sua umanità nelle sue opere magistrali, quali le colonne sonore dei film Per un pugno di dollari,Mission, C’era una volta in America eNuovo Cinema Paradiso.
I funerali si terranno in forma privata “nel rispetto del sentimento di umiltà che ha sempre ispirato gli atti della sua esistenza”.
Questa sera, nei due appuntamenti di apertura fissati, il Magna Grecia Festival aprirà con un tributo al maestro Ennio Morricone, Premio Oscar onorario alla carriera nel 2007 e sodalizio artistico conSergio Leone e Giuseppe Tornatore. L’Orchestra della Magna Grecia si unisce al dolore di quanto lo amano.

Buon Viaggio Maestro di Emozioni e Genio Inimitabile!


 

Rosanna  Travascia

Notizie correlate