«L’amministrazione comunale di Campobello ancora una volta in difesa dell’ospedale di Castelvetrano»

Lo ha dichiarato il sindaco Castiglione durante la seduta del Consiglio comunale, che ieri sera, all’unanimità ha approvato un ordine del giorno condiviso con il massimo consesso civico castelvetranese
«L’Amministrazione comunale di Campobello ancora una volta è in prima linea per difendere il futuro dell’Ospedale di Castelvetrano». È quanto affermato dal sindaco Giuseppe Castiglione, ieri sera, nel corso della seduta del Consiglio comunale di Campobello, durante la quale, su proposta del presidente del Consiglio Simone Tumminello, che ha accolto l’iniziativa del Consiglio comunale di Castelvetrano, all’unanimità dei presenti, è stato approvato un ordine del giorno in difesa del nosocomio “Vittorio Emanuele”.
«Nonostante – ha aggiunto il Sindaco – tutte le azioni intraprese in questi ultimi anni, unitamente agli altri sindaci del Belice, nei confronti del governo regionale e nazionale, con l’obiettivo di scongiurare il declassamento dell’ospedale di Castelvetrano, la legge di pianificazione della rete ospedaliera è stata definitivamente approvata a livello regionale e ministeriale. Oggi, a seguito dell’approvazione dell’Atto aziendale dell’Asp in Conferenza dei Sindaci, nella consapevolezza che la legge non contempla soluzioni alternative, l’unica strada che possiamo intraprendere è quella di richiedere una deroga. Pertanto, ieri sera, dopo aver concordato personalmente il percorso da seguire con una rappresentanza dei consiglieri comunali di Castelvetrano, il Consiglio comunale di Campobello ha approvato un documento con cui si richiede alle autorità competenti di ripensare e rivedere lo strumento di pianificazione territoriale regionale, attraverso una modifica della rete ospedaliera attualmente vigente che tenga conto delle osservazioni rappresentate, nel rispetto dei vincoli legislativi della legge quadro ma con l’assunzione di una responsabilità politica che non penalizzi un intero territorio o quanto meno riproponga quanto previsto nella precedente rete ospedaliera. Tale documento si pone, dunque, in perfetta e coerente linea di continuità con tutte le azioni che abbiamo promosso in questi ultimi anni contro il declassamento dell’ospedale di Castelvetrano, quali ad esempio quella di sottoscrivere una petizione popolare e quella di rappresentare, unitamente agli altri sindaci del Belice, la problematica sia all’Assessorato Regionale sia al Ministero della Salute. Ancora una volta, dunque, la nostra Amministrazione sta dimostrando con i fatti di avere a cuore il futuro dell’Ospedale “V. Emanuele”, che rappresenta un fondamentale presidio di sanità e un grande motivo di orgoglio per tutta la Valle del Belice».
Alla seduta del massimo consesso civico di Campobello, ieri sera, sono stati presenti anche il presidente del Consiglio comunale di Castelvetrano Patrick Cirrincione e alcuni suoi colleghi consiglieri.

Notizie correlate