L’Esercito in Sicilia, al tempo del coronavirus, supporta la Protezione Civile

Sin dalle prime fasi dell’emergenza sanitaria dichiarata dall’Autorità di Governo, l’Esercito è stato costantemente impegnato in Sicilia a supportare la Protezione Civile e le Istituzioni regionali.

Le unità della Brigata “Aosta”, tra cui il 6° Reggimento Bersaglieri di Trapani, sono state chiamate su più fronti a fornire il proprio contributo nella gestione della più grave crisi nazionale dal dopoguerra ad oggi, a conferma del ruolo strategico delle Forze Armate, quale strumento al servizio della comunità.

Lo sforzo logistico dell’Esercito a favore della Protezione Civile nazionale e di quella della Regione Sicilia si concretizza quotidianamente con continui trasporti di dispositivi di protezione individuale (mascherine, camici, guanti e altri presidi medico-chirurgici), per velocizzarne la immediata distribuzione dagli aeroporti di sbarco agli enti ed istituzioni individuati dalle competenti autorità centrali.

L’Esercito sta anche garantendo in questi giorni il concorso di medici e infermieri presso il centro per le disabilità “Oasi Maria Santissima” di Troina, in provincia di Enna, che costituisce uno dei principali focolai del Covid-19 nell’isola e sta fornendo supporto alle Prefetture siciliane con i militari già operativi nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”, per il controllo delle autocertificazioni dei cittadini che si spostano sul territorio, presenziando, inoltre, presso gli ipermercati con l’intento di scongiurare fenomeni di saccheggio di generi alimentari.

Notizie correlate