Seconda collettiva internazionale d’arte “I colori degli artisti a Comiso per la legalità e un mondo migliore”

La città di Comiso è stata invasa dall’arte e dalla bellezza in occasione dell’inaugurazione della seconda Collettiva internazionale d’Arte in omaggio al pittore poliedrico Salvatore Fiume. Oltre 300 persone e ben 64 artisti hanno assistito con interesse alla cerimonia inaugurale della Collettiva che si è svolta in due momenti: la premiazione degli artisti presso l’auditorium “Carlo Pace” ed il taglio del nastro nel castello Aragonese.

Comiso per storia e tradizione è la cittadina dell’arte che ha dato i natali, oltre a Salvatore Fiume, a Gesualdo Bufalino, Biagio Pace, Salvatore Adamo, Francesco Giombarresi; la seconda Collettiva internazionale d’Arte “I colori degli artisti a Comiso per la legalità e un mondo migliore” è stata organizzata dall’associazione La Via dell’Arte con il patrocinio della Federazione italiana Exallievi ed Exallieve di Don Bosco, l’Ordine dei Cavalieri di Malta ed il comune di Comiso.

Con la manifestazione di sabato si è rinnovata la tradizione di tributare le eccellenze della terra di Sicilia ed in particolar modo Salvatore Fiume e tutti quei professionisti che in giro per l’Italia portano alto il nome della loro terra natia, tra questi Carmen Alessandrello, artista emergente  attualmente allo staff di Mogol, e Alessandro Cassibba, tenore.

Erano presenti al taglio del nastro il sindaco Maria Rita Schembari, Giorgio Assenza,  presidente del Collegio dei Deputati Questori dell’Assemblea regionale Siciliana; Giuseppe Oddo, già Questore di Ragusa; Salvatore Giardina, sindaco di Mezzojuso ed i due presentatori della serata Maria Grazia Cianciulli e Valerio Martorana. Erano presenti, inoltre, il dott. Silvio Ciarcià; il direttore generale del Montecatone Institute Rehabilitation, Mario Tubertini e l’anatomo patologo del Cro di Aviano, Vincenzo Canzonieri.

 “Per me è un tributo all’unità dei popoli nel segno dell’arte e della creatività,- sottolinea visibilmente soddisfatto il Maestro Roberto Guccione – la mostra presenta artisti di varie nazionalità e generazioni nonché differenti linguaggi superando le barriere, gli ostacoli e le divisioni, in più unisce la contemporaneità alla storia esaltando le bellezze architettoniche di Comiso. Un evento del genere conferma la nostra volontà di continuare a mettere in risalto la nostra amata terra di Sicilia ed in particolar modo la nostra Comiso. Il risveglio artistico-culturale nella nostra Comiso continua ed  è testimoniato dalla presenza di centinaia e centinaia di persone che hanno invaso l’auditorium e successivamente il pregevole castello Aragonese, dove sono ospitate le opere. Un ringraziamento vivo a tutti gli artisti che credono nei nostri progetti di arte, cultura, solidarietà ed amicizia tra i popoli.

“Dove c’è cultura ed arte noi non possiamo mancare e con Roberto Guccione ormai tale legame è saldo e duraturo” ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione e vice Priore di Sicilia dell’ Ordine dei Cavalieri di Malta, avv. Natalina Romania.

 “Esprimo vivo apprezzamento per questo evento artistico in omaggio di un nostro concittadino – dichiara Maria Rita Schembari, sindaco della città ipparina- che ha dato lustro alla nostra terra, con genialità ed estrosità. Ringrazio fortemente l’amico e direttore artistico Roberto Guccione che ha voluto fortemente omaggiare Salvatore Fiume, dando lustro alla nostra comunità. Abbiamo assistito ad una felice e colorata invasione di artisti”.

Era presente, inoltre, una delegazione della comunità di Mezzojuso guidata dal sindaco Salvatore Giardina e composta da Donatella Cannizzaro, Matteo Cuttitta e Dino Pinnola. Durante la serata la dott.ssa Monica Cerin ha presentato il bracciale salvavita “Aidme”; sono stati consegnati i premi della legalità e premiati gli artisti secondo le categorie che di seguito sono elencate.

Premio Cristica conferito a: Nadia Gaggioli, Rosanna Malandrino- Salvatore Pani- Carmela Garaffa, Natalia Dupont Duttiloy, Mari Angela Untaru e  Diana Ursakii.

Premio Grand Prix Salvatore Fiume conferito a: Amelia Perrone, Luciano Piccitto, Florinda Giannone, Pina Modica, Luisa Barrano, Silvana Mellacina e Antonio Pugliano.

Premio Internazionale Salvatore Fiume conferito a: Dobus Gyorrgy, Ines Renate  Doellert, Pino Noto, Mario Vittoria, Paola Grillo, Angelo Criscione, Nelly Fonte, Nataliia Begisheva, Halkina Nataliia SerHiivna e Valeria Sgroi.

Premio Artista dell’anno Città di Comiso conferito a: Lydia Canclaux, Daniela Bussolino, Marinella Artale, Umberto Maglione, Mario Perrotta, N. Sebastyen Katalin, Giovanna Giaquinta, Cecilia Passeri e Maria Luisa Romano.

Oscar dell’ arte Salvatore Fiume conferito a: Lucia Sandra Distabile, Elena Galagan, Eleonora Ragonesi, Pino Razza, Silvana Salinaro, Giusy Siragusa, Rosario Rigoglioso, Titty Ferlisi, Enzo Giummarra e Alberto Girani.

Art Prize – Eccellenza in onore a Salvatore Fiume conferito a: Mary Anne Zammit, Silvia Zambon, Biagio Amatu, Andrea Calabrò, Maria Dipasquale, Matteo Cuttitta e Dobus Dorka.

Emeritato Artistico Internazionale conferito a: Roberto Caggia, Gino Occhipinti, Dino Pinnola, Pina Re, Hodaya Levin, Vladislava Yakovenko, Carmelo Battaglia e Rosetta Giombarresi.

La mostra rimarrà aperta, presso il castello Aragonese, sino al 26 ottobre con i seguenti orari: dalle ore 10.30 alle ore 12.30 dalle ore 17.00 alle ore 20.30.

  

Notizie correlate